ECONOMY

GO TO THE THEATER’S SEASONAL SHOWS

 

This is the era of the “globalization of the world”, with a single worldwide market. The capitalization success on a global scale affirms that such a big economic revolution never existed.

However this system needs to take in consideration the three problematic phenomena that it may bring: inequity, instability and the environmental cost. These consequently may bring to an ecology crisis, globalization, consumes and social inequality.

According to the capacity or incapacity to get to a solution of the three critical factors, however, it seems incontrovertible that economic growth is a prerequisite to reach a more equal income distribution, given a stability to the system and a full respect for the environment.

“How would you then favor an economic growth that is both durable and sustainable?”

In 2018 the Nobel Prize for the Economy was assigned to Nordhaus and Romer, for their studies that highlight a strong relationship between macroeconomic trends, climate change and new technology. They also bring to the light the contradictions in the capitalism paradigm, underlining the necessity of political decisions in the long hall.

In 2019, with our seasonal theater, we decided to aim our goal into the economic world, to all access and distortion caused by money, to the society influenced by it, to the rebellious and victimized environment, to the technological innovation producing both economic development and social implosions.

ECONOMY is our answer to a complicated science of development models we superficially know and to a present moving so fast we can’t keep up with.

Four focuses, MONEY, SOCIETY, ECOLOGY and TECHNOLOGY. These are four aspects that we retain to be closely related to the interpretation of international artists and Italians that, like us, do not stop questioning the present.

In addition, the year 2019 strengthens the collaborations with numerous urban realities. A further confirmation of the strong necessity for a shared cultural economy. Therefore, the relationships between Teatro delle Moire/Danae Festival, Triennale Teatro dell’Arte, Teatro Franco Parenti, Stanze – esperienze di teatro d’appartamento, Olinda/TeatroLaCucina, Stratagemmi/Prospettive Teatrali, Laboratorio Lapsus, mare culturale urbano e Fattoria Vittadini are confirmed.

FOCUS #4
• TECHNOLOGY •

On the date of December 31, 1982, Isaac Asimov wrote in the Toronto Star newspaper. He narrated about how the world would have been in 2019. The focus being on if humanity will have survived a nuclear war, or how technology and IT innovation would have radically changed our way of living and working. The people of 2019 would have just been working on developing and studying implications of Artificial Intelligence and its applications.

Surely, for so many aspects he was right. Nowadays, AI is already part of our reality: domotic or home automation, siri, autonomous vehicles, robots. Are all of these simply tools that can guarantee people more free time and freedom or could they become dangerous antagonists of humankind in a near future? Is it possible that a machine develops wishes and could be looking for its own power or to substitute its own creator?

Scientists and experts are divided, some see such dangers as very probable, while others as not possible. We are not taking a position on this, but we are focusing on how smart technologies are already significantly affecting our life and how we interface with the world.

Is it all just about economic benefits, simplifications, working opportunities not possible before? Or should we also account for the fact that, under the surface of the friendly AI, there are hidden algorithms that already control the vast majority of the global financial transactions……social networks, news credibility, our world vision, as well as the mood – positive or negative – of billions of human beings, that can forecast human behavior and, based on such data, send out personalized promotional ads, manipulate minds, suggest actions to humans unaware of it all” (Luca De Biase)?

 

NOVEMBER

AGRUPACIÓN SEÑOR SERRANO /ANDREA CIOMMIENTO (ES/IT)
ORIGINS
A ZONA K production
Creation and direction Andrea Ciommiento
Original idea and dramaturgical consultancy Agrupación Señor Serrano

at ZONA K

 

SPECIAL TECH RESIDENCES

at ZONA K

 

DECEMBER
RIMINI PROTOKOLL AND STAATSSPIELHAUS DRESDEN (CH/DE)
DREAMING COLLECTIVES. TAPPING SHEEPS (STATE 3)

A ZONE A  and Teatro Franco Parenti project

at TEATRO FRANCO PARENTI

GO TO THE WHOLE SEASON

FOCUS PEOPLE

The power of the people, of the general public. The force and the real propulsion that come from the bottom. People have the power, power to the people, songs and slogans from the 70’s that still resist in a world that is very different than what is was then. Yet, despite everything, we still think that people have the power to change the world.

PEOPLE explores the strengths and the contradictions that permeate our society: the strength of feelings, the exchange between generations, solidarity; but also the relations between people where power plays are always more ambiguous and ruthless. Mainly it talks about people: young, teenagers, women that are curious, independent, aggressive but always current.

 

26 APRILE | 19 MAGGIO

MAMMALIAN DIVING REFLEX / DARREN O’DONNELL (CA)
TEENTALITARIANISM with 3 events + 1

 

23 | 24 MAY

GUINEA PIGS (IT)
ATTI DI GUERRA

 

25 MAY

BARBARA MIELE (IT)
FOREVER YOUNG, I SOGNI DEL SESSANTOTTO
In collaborazione con PHOTO FESTIVAL MILANO

 

30 | 31 MAY

MARTA DALLA VIA (IT)
PERSONALE POLITICO PENTOTHAL – Opera rap per Andrea Pazienza

 

5 | 6 JUNE

SHE SHE POP (DE)
SACRIFICIO DI PRIMAVERA
A ZONA K and Teatro Franco Parenti project

 

KÖSZEG

Extra_focus_ZONAK

ACQUISTA IL BIGLIETTO ONLINE

Köszeg, liberamente ispirato a Il grande quaderno di Ágota Kristóf, narra d’identità, di separazione, di un’umanità condannata al limite, al margine e della sua grande capacità di resilienza.

Protagonisti di Kőszeg sono due fratelli, indivisibili e interscambiabili come se avessero un’anima sola. Due piccoli adulti dalla prodigiosa intelligenza che, grazie alla logica della sopravvivenza, sviluppano una cristallina e brutale etica di vita. Intorno a loro, si muovono personaggi disegnati con pochi tratti scarni in un contesto di fame e morte.

Uno spettacolo duro dove tutto è reso feroce ed essenziale da una recitazione limpida e diretta. Nel susseguirsi delle immagini, sempre in bilico tra età adulta e infanzia, Köszeg propone, attraverso una forte risonanza con l’attualità e i sui flussi migratori, un racconto crudo, toccante che non lascia spazio alle divagazioni e dove amore, guerra, violenza, fragilità, clandestinità, emigrazione, identità e perdita dell’identità, sono le protagoniste.

c/o ZONA K
Posti limitati, preacquisto biglietto consigliato.
ACQUISTA IL BIGLIETTO ONLINE

Una creazione: Opera retablO regia: Ledwina Costantini di e con: Ledwina Costantini e Daniele Bernardi costumi: Caterina Foletti scenografia: Opera retablO e Michele Tognetti Produzione: Opera retablO in coproduzione con Teatro Sociale Bellinzona con il sostegno: Swisslos/ Pro Helvetia / Tognetti- auto/ Carthesio SA

Opera retablO nasce nel 2008 a Sessa (Canton Ticino) ed è uno spazio che ospita e promuove contaminazioni artistiche e culturali, nata dall’esigenza di dotare le creazioni di Ledwina Costantini, attrice-creatrice ticinese, di una rete di collaborazioni e di una struttura organizzativa e logistica. Opera retablO propone creazioni in bilico tra l’innovativo e l’arcaico; opere che danno corpo a una moderna e destabilizzante catarsi. Le attività dell’associazione si svolgono in ambito nazionale e internazionale.

EXTRA FOCUS

La categoria degli Extra Focus raccoglie quelle proposte che abbiamo inteso accogliere in stagione ma che per tema o calendario (per entrambi i presenti spettacoli è questo il caso) non possono rientrare nei focus tematici.

 

Gli eventi dell’EXTRA FOCUS

 

CANCELLATO PER MOTIVI DI SALUTE DI UNO DEGLI ATTORI
CAFFETTIERA BLU di BLUEMOTION (IT)
[Spettacolo teatrale c/o ZONA K]

Caffettiera blu mette in questione la sovranità del testo stesso e ribadisce invece quella dell’attore e dell’attrice.


19 – 21 maggio 2017 | ore 20.30

KÖSZEG di OPERA retablO (CH)
[Spettacolo teatrale c/o ZONA K]

Amore, guerra, violenza, fragilità, clandestinità, emigrazione, identità e perdita dell’identità, sono le protagoniste.


25 maggio 2017 | ore 20.30

INFLUENZA di Floor Robert/InQuanto teatro (IT)
[Performance teatro danza 40 min c/o ZONA K]

INFLUENZA è uno spettacolo da guardare come un libro di illustrazioni, lasciandosi trasportare dalle immagini in un mondo alternativo.

 

 

ISOLA E SOGNA

Focus_NOW

Un report in forma di concerto su Giusi Nicolini, Sindaco di Lampedusa fino al giugno 2017, e sull’esercizio del potere nell’isola degli sbarchi e delle tartarughe, un luogo diventato emblema del confine, ribalta per la rappresentazione delle politiche europee. Della mano che cura e di quella che colpisce. La sua sconfitta alle ultime elezioni ha ispirato decine di articoli sui giornali e migliaia di commenti sul web. In Isola e Sogna, Ateliersi si confronta poeticamente con le prospettive di questo cambiamento, a partire dagli spostamenti semantici prodotti dalla Nicolini nei suoi cinque anni da Sindaco.

Nell’isola coesistono, non senza difficoltà, le locali opposte fazioni che si sfiorano sul livello umano, le contrapposizioni geopolitiche connesse ai colonialismi, gli accadimenti, gli immaginari contemporanei e il desiderio di perseguire una vita fatta di pesca, turismo e accoglienza pacifica.

Tutto lascia pensare che Lampedusa sia un braciere acceso. / Che parlare di Giusi Nicolini a Lampedusa sia scabroso oramai.”

Isola e sogna porta in scena le parole accese degli abitanti di Lampedusa, di Giusi Nicolini*, di chi ha descritto lei e di chi ha descritto la sua isola; e ne fa una questione di ritmo, di timbrica e di sensi contrapposti.

* Prezioso tra le fonti, il libro/intervista con Marta Bellingreri Lampedusa. Conversazioni su isole, politica, migranti  (Edizioni Gruppo Abele, Torino, 2013).

 
ACQUISTA I BIGLIETTI

Posti limitati, preacquisto biglietto consigliato c/o ZONA

Di e con Fiorenza Menni e Andrea Mochi Sismondi e con Giorgia Sangineto e Marco Mochi Sismondi musiche di Vittoria Burattini (percussioni), Mauro Sommavilla (elettronica, chitarra) e Vincenzo Scorza (elettronica) cura del suono Vincenzo Scorza direzione tecnica Giovanni Brunetto amministrazione e organizzazione Elisa Marchese progettualità e comunicazione Tihana Maravic

ATELIERSI è un collettivo di produzione artistica che opera nell’ambito delle arti performative e teatrali. Si occupa di creazione artistica e della cura della programmazione culturale dell’Atelier Sì a Bologna. La creazione di Ateliersi si compone di opere teatrali e interventi artistici in cui il gesto performativo entra in dialogo organico con l’antropologia, la letteratura, la produzione musicale e le arti visive per favorire una comunicazione del pensiero capace di intercettare inquietudini e prospettive che coagulano senso intorno ai sovvertimenti che si manifestano nel mondo. www.ateliersi.it

 

 

FOCUS NOW

Un progetto di

zona_k_logo
Con il sostegno di:
CLAPS COMPLETO SCRITTE LATERALI    02_MIBACT logo
british-council-logo-2-color-2-page-001-hr     PH_logo_byline_IT_black

Con il patrocinio del

brand milano

e con il patrocinio di

logo_CommissioneUE    logo confederazione 02.1_MIL_081007_RGB_hoch     GI_Logo_inkl_Claim_horizontal_green_IsoCV2[1]

In collaborazione con:
Logo_Triennale   olinda_logo168x300

INTIME FREMDE

Focus_DEMOCRACY

Intime Fremde/Intimi stranieri è dedicato ad una riflessione sul confine, l’identità, il concetto di nazione, paese d’origine, all’incontro/scontro di anatomie fisiche e culturali, emotive.

L’Europa ci ha abituati a viaggiare low cost e a sentirci a casa in tutti i paesi dell’Unione. Ma il vecchio continente difende le sue frontiere con acqua spinata e C.I.E. I confini esistono nascosti ovunque: mentre facciamo la spesa, quando ci guardiamo, sfioriamo, evitiamo, nel volto coperto della vicina di casa, negli odori che si incontrano nella tromba delle scale. E quello che c’è dietro una porta, dietro una linea ci fa, da sempre, paura. Se è vero che siamo tutti biologicamente simili, è altrettanto vero che siamo tutti culturalmente diversi, e provvisti di diversi diritti. Noi siamo forse fatti di ciò che mangiamo, delle nostre esperienze, delle decisioni che abbiamo preso nel corso della nostra vita, di ciò che amiamo, di ciò per cui combattiamo?

Che cos’è l’identità? Che cosa significa nazionalità? Che cosa significa cittadinanza?

Intime Fremde è uno spazio in cui guardare in controluce le paure e i desideri di un’umanità divisa tra il bisogno di appartenere e quello di libertà. In scena tre attrici che vivono in Germania, ma che hanno tre origini culturali differenti, costruiscono barriere e cercano spazi di intimità.

Lo spettacolo ha avuto due residenze presso il Teatro del Lemming e ha debuttato il 20 novembre 2015 presso l’Acker Stadt Palast di Berlino.

 

In inglese, italiano e arabo c/o ZONA K
Posti limitati, preacquisto biglietto consigliato.

Con Aurora Kellermann, Lina Zaraket, Serfiraz Vural regia Chiara Elisa Rossini luci Alessio Papa di Welcome Project – The foreigner’s Theatre produzione Teatro del Lemming in collaborazione con TATWERK PERFORMATIVE FORSCHUNG_Berlino

 

Welcome Project è un progetto al femminile nato a Berlino nel 2015 da un’idea di Chiara Elisa Rossini. Il gruppo è formato da quattro artiste che vivono in Germania, ma che hanno origini culturali differenti.

Il suo nome nasce dalla loro esperienza personale come emigrate, ma anche dal concetto di teatro come mondo governato da altre regole, uno spazio dove possono accadere cose fuori dell’ordinario.

 

 

FOCUS DEMOCRACY

Un progetto di

zona_k_logo

 

Con il sostegno di:
CLAPS COMPLETO SCRITTE LATERALI    02_MIBACT logo

Con il patrocinio del

brand milano

e con il patrocinio di

logo_CommissioneUElogo confederazione 02.1_MIL_081007_RGB_hoch

 

In collaborazione con:

GI_Logo_inkl_Claim_horizontal_green_IsoCV2[1]    Logo_Stanze_screenshot

FOCUS RIVOLUZIONARI

Un focus dedicato all’impegno civile di piccole e grandi rivoluzioni sociali, a chi in passato e oggi ha creduto o crede che si possano ancora cambiare radicalmente le cose.  Al contempo un focus che guarda ad esperimenti nei linguaggi artistici che possano contenere elementi rivoluzionari.

  • Una mostra fotografica che racconta il movimento underground sfociato nella primavera araba del 2011.
  • Un incontro-concerto con i suo testimoni diretti.
  • Una rassegna di due giovani compagnie che, nelle mille difficoltà di questo paese, fanno fatica ad emergere, ma con tenace volontà fanno la loro rivoluzione proseguendo ad investire energie ed economie nel loro fare arte.

 

Con Gianmarco Maraviglia/Echo Photo Journalism, WOODSTOCK TEATROCOMPAGNIA STRADEVARIE