GAYBY BABY

Focus_GENERE

Maya Newell ci racconta la vita quotidiana di Gus, Ebony, Matt e Graham, quattro bambini australiani tra i 10 e i 12 anni, figli di coppie gay e lesbiche, alle prese con i primi dilemmi, desideri e fragilità dell’adolescenza. Gus è un appassionato di wrestling; Ebony sogna di diventare una cantante pop; Graham non sa leggere; e Matt è nel mezzo di una crisi esistenzial-religiosa.

Un ritratto emozionante e vero di che cosa significa essere una famiglia moderna e dover affrontare il pregiudizio della comunità in cui si vive, raccontato con gli occhi e le parole dei diretti protagonisti. “Gayby Baby non è una pubblicità per le famiglie queer, ma un film dove famiglie amorevoli lottano per bisogni e valori contrastanti, dove i genitori reagiscono in maniera eccessiva e a volte i bambini restano delusi. Le famiglie omogenitoriali non sono perfette, ma non sono meno perfette di qualsiasi altro tipo di famiglia” (Maya Newell).

In collaborazione con Gender Bender.

In inglese con sottotitoli in italiano.
Per bambini dai 10 anni e adulti.

Ingresso: € 5,00 + tessera associativa 2,00€  all’accompagnatore adulto

 

Il FOCUS GENERE è realizzato con il sostegno di
02_clapspettacolodalvivo 7 ok
02_MIBACT logo

in collaborazione con
Logo_Alilò
logo_genderbender
02_clapspettacolodalvivo 7 ok

E’ un progetto di:
zona_k_logo

LA VERA ENCICLOPEDIA DELLE PRINCIPESSE E DEI GUERRIERI

Focus_GENERE

Laboratorio sulle differenze di genere per bambine e bambini dai 4 agli 8 anni.

Qual è il maschile di principessa e il femminile di guerriero? Quali sono i loro nomi, le loro caratteristiche, i loro abiti? Che ruolo ricoprono? Cosa ne pensano i bambini del concetto di maschile e femminile e dell’archetipo ad esso legato nelle fiabe?

Nessun preconcetto, nessuna ideologia ma immaginazione e creatività per provare a inventare insieme una nuova enciclopedia libera.

Partecipazione: € 8,00
Prenotazione: biglietti@zonak.it
Durata del laboratorio 90’

Il laboratorio è tenuto da Paola Gaggiotti, artista che da anni lavora per la didattica dell’arte affrontando temi utili alla crescita umanistica dell’individuo.

Il FOCUS GENERE è realizzato con il sostegno di
02_clapspettacolodalvivo 7 ok
02_MIBACT logo

in collaborazione con
Logo_Alilò
logo_genderbender
02_clapspettacolodalvivo 7 ok

E’ un progetto di:
zona_k_logo

DI CHE
FAMIGLIA SEI?

Extra_evento

A seguire breve incontro con Famiglie Arcobaleno Milano e Chiara Reali de “Le cose cambiano”.
Per i più piccoli, laboratorio sul tema “Di che famiglia sei” con disegni e merenda.  

 

LA BIGLIETTERIA ONLINE NON E’ ATTIVA

Biglietto unico: € 8.00

 

di e con Silvia Elena Montagnini
da un’idea di Silvia Elena Montagnini e Milena Paulon
disegno luci Simona Gallo
foto di scena Francesca Savini

produzione Officine Papage
in collaborazione con Associazione Famiglie Arcobaleno

 

La storia.
Una donna inizia a raccontare di un muro. Un muro che aveva diviso la città.
O meglio aveva diviso la città dividendo le famiglie di quella città: da una parte quelle formate da un uomo e una donna sposati con figli e dall’altra tutte le altre.

Per fortuna adesso ci sono le porte nel muro. E si può passare.

Ma cos’è successo una manciata di anni fa?
Quando il muro è stato innalzato e ci hanno divisi?
Chi ha risolto la situazione e come?

Martina è figlia di due donne e sta da una parte del muro.
Piero è figlio unico di una coppia eterosessuale e sta dall’altra parte del muro.
Due bambini, eroi inconsapevoli, con la loro curiosità, la loro voglia di conoscersi, superano il muro e mettono in atto una piccola rivoluzione.

Cosa sono i muri?
I muri sono divisioni. Per le case sono protezioni. Un muro protegge chi ha paura di una minaccia esterna, di qualcosa che non si conosce e che potrebbe ferire. Un muro divide me da te. Oppure noi da voi. Oppure noi da loro. Loro, ancora più lontani di voi. Il muro è un astuccio alzato durante un compito in classe. Un muro è qualcuno che non ti parla e si gira di spalle. Un muro è una porta chiusa.

Un muro è un genitore, un parente che ti preclude la possibilità di esplorare liberamente persone o situazioni, di conoscere, di usare la tua curiosità per sperimentare, dandoti prima i mezzi per proteggerti nel caso di pericolo, ma lasciandoti libero.

Ma… Ogni eroe in ogni storia supera un muro. Le fiabe classiche sono piene di muri reali che costringono l’eroe o l’eroina in torri e castelli, o muri mentali (es Cenerentola che non si emancipa). Tutto ciò serve per andare verso la libertà e l’età adulta.

Ma non solo: i cartoni animati hanno iniziato, negli ultimi anni, ad affrontare il tema della diversità delle famiglie, basti pensare alla strana famiglia dell’”Era Glaciale”, che non si sceglie ma che è costretta alla convivenza, eppure poi si sceglierà dopo avere condiviso la strada, nonostante le profonde differenze.

In questa storia sono i bambini a trovare una soluzione e un punto di incontro, ma non lo fanno con un senso dell’epica, lo fanno semplicemente perché si scoprono e si affezionano.