formazione

GLI INSEGNANTI

FRANCESCA BADALINI – MUSICA

Ho amato e studiato la musica fin da piccola, all’inizio principalmente musica classica, in seguito si è aggiunto l’amore per il rock! E da sempre ho sentito l’esigenza di accostare e fondere la musica con le altre forme di espressione artistica, creando musiche per cinema, teatro, performance di danza e mostre d’arte. Nei laboratori che tengo mi piace ricercare questo aspetto di fusione tra le arti oltre che valorizzare la libera espressione dell’interiorità e del lato creativo insito in ognuno dei partecipanti, ma amo anche un altro aspetto che ritengo fondamentale: il creare qualcosa insieme, l’arte intesa anche come mezzo di condivisione e di comunicazione non solo con il pubblico ma anche con allievi o colleghi.

K come? “Costante, sì, come nelle formule scientifiche la costante che ritrovo in ogni forma d’arte: la libera espressione di se stessi e della propria creatività.”

ENZO BISCARDI TEATRO
Ho fatto teatro. Ho fatto l’educatore. Poi ho capito che potevo fare entrambe le cose e così ho unito la mia esperienza teatrale a quella di educatore professionale specializzandomi nella pedagogia teatrale progettando, gestendo e conducendo corsi di teatro per bambini, ragazzi e adulti. Sentirsi liberi di andare ovunque e, allo stesso tempo, avere una strada da (per)seguire permette agli allievi di vivere un personale e intenso percorso di ricerca espressiva.

K come? “Se un giorno sperduti il cervello va in pappa, affidatevi a chi della ZONA ha la mappa, passerete così dal cappaò all’ocappa.”

FEDERICA DI ROSA – TEATRO
Diplomata in Drammaturgia alla Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano, lavoro con diverse realtà teatrali alla scrittura di testi per spettacoli ed eventi. Nell’ambito educativo e sociale, applico la mia esperienza di drammaturga all’ideazione e conduzione di laboratori di teatro e di scrittura per adulti, ragazzi e bambini. Ho coordinato e realizzato progetti di formazione con: Teatro della Tosse, Teatro Coccia, Eniscuola, Formattart, Alice in Città, Teatro Franco Parenti. Sono autrice e regista degli spettacoli di teatro ragazzi “Amico Immaginario Cercasi”, “Pippo vola sulla città”, e autrice di “Emile Utopia 250”, documentario teatrale sui temi dell’educazione, in collaborazione con il Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Torino. Dal 2015 sono responsabile della didattica per ZONA K: mi occupo dell’ideazione e della realizzazione dei progetti per bambini e ragazzi e coordino il lavoro di un team d’insegnanti di diverse discipline artistiche.

K come?  “Kaulon, antica città dove tutto comincia e ricomincia.”

FILIPPO FARINA TEATRO
Da quando, crescendo, ho scoperto che i sogni non svaniscono né con l’alba né con l’età, ho scelto di portarli con me e di scambiarli con gli altri. Così ho intrapreso un percorso teatrale come attore che è ancora in divenire e ho creato laboratori di ricerca creativi incontrando i contesti più disparati. Amo insegnare la curiosità e la scoperta dei significati usando il corpo, la parola e tutti i linguaggi artistici che partecipano del fare teatro.

K come? “K, come amico. K come tutti, aspirante. K di fiori prende fante e due di denari. K tu che K ankìo. K subito se vedi un orco. La gente inK nell’arte… …L’arte inK nella vita.”

PAOLA GAGGIOTTI ARTE
Nata nelle risaie. Da sempre innamorata fedele dell’arte che ritengo l’unica possibilità di salvezza per le sorti dell’uomo. Impegnata da anni nell’utilizzo dell’arte come pratica pedagogica. Oltre al mio lavoro d’artista collaboro con il Progetto Giovani dell’Istituto Nazionale dei Tumori dove creo progetti culturali per i pazienti ed ex pazienti adolescenti.

K come? “Un foglio bianco, una matita… e poi si vedrà.”

MONICA GALASSI MOVIMENTO CREATIVO
Danzatrice, giornalista, educatrice, mamma. Nata a Milano nel 1975, mi sono formata come ballerina classica presso il Teatro alla Scala e la Scuola Cosi Stefanescu di Reggio Emilia. Mentre danzavo come professionista in diversi teatri italiani ho conseguito la laurea in Lettere Moderne presso l’Università di Pavia e ho iniziato a curare la comunicazione dell’étoile Alessandra Ferri, soggetto della mia tesi. Mi sono dedicata per alcuni anni all’attività di ufficio stampa e giornalismo in ambito culturale per tornare poi, in seguito alla nascita dei miei due figli, alla prima passione (danza, musica, teatro). Dal settembre 2013 tengo laboratori di movimento creativo rivolti a bambini e ragazzi, sia a scuola in orario curricolare sia al pomeriggio presso istituzioni pubbliche e private.

K come? “Kontakthof.” (balletto emblema della poetica di Pina Bausch, ndr)

FEDERICO MANFREDI TEATRO
Nato in provincia di Bologna mi trasferisco a Milano per studiare recitazione alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi. Dopo il diploma lavoro per varie produzioni teatrali come attore. Parallelamente lavoro come educatore per l’infanzia in vari centri estivi e associazioni culturali in Emilia Romagna.

K come? “Kilometri da percorrere.”

ALICE MARINONI – TEATRO
Quello che più mi piace è quello che faccio: giocare al gioco del teatro. Passo molto tempo a leggere e a giocare con i bambini, i miei e quelli degli altri. Quando riesco scrivo storie per il teatro. Sogno ancora di diventare una ballerina.

K come? “Ketchup : perché è rosso, perché se non ti pulisci bene ti vengono i baffi e subito inizia la storia del Signor Baffi Rossi…”

ALICE PATRICCIOLI – ARTE
Il mio lavoro in una frase?  “Lasciati sorprendere e meravigliare dal mondo e vivilo con creatività!”. Mi impegno ogni giorno per trasmettere la mia capacità di trovare la magia dietro ogni angolo e l’inaspettato dietro l’ordinario…come?  Faccio della fotografia e dell’arte un tramite per far esprimere alle persone le proprie sensazioni e per far scoprire loro il mondo, creo e organizzo laboratori e corsi per bambini, ragazzi e adulti volti a far imparare divertendo.

K come? “Un Koala che mangia un Kilo di Kiwi.”

ELENA PARRETTI – TEATRO
Attrice e Aiuto Regista, da diversi anni conduco laboratori di teatro per bambini, in italiano e in inglese. Con il collettivo LibraLab (la mia compagnia teatrale) ho portato in scena spettacoli per adulti e bambini. Del teatro amo la possibilità che offre di combinare insieme immagini, suoni, parole e corpi in movimento. I miei laboratori sono attraversati dal filo della comicità: si impara a ridere CON gli altri, e non DEGLI altri. E si impara a ridere anche un po’ di se stessi, a prendere le cose -e la vita- con leggerezza, da prospettive sempre diverse.

K come? “Kolossal, perché mi piace pensare in grande.”

 

Immagine: Designed by Freepik