IM MÄRKISCHEN SAND
Nella sabbia del Brandeburgo

23 APRILE 1945, IN UNA CAVA DI SABBIA A TREUENBRIETZEN (Brandeburgo)

Soldati della Wehrmacht fucilarono 127 internati militari italiani.
Una strage dimenticata che riemerge dopo decenni.
Dopo la capitolazione del re e di Badoglio dell’8 settembre 1943, ben 650.000 soldati italiani furono deportati in Germania e 50.000 di loro non tornarono più dai campi di lavoro forzato in cui erano stati rinchiusi.

Il documentario dei registi Katalin Ambrus, Nina Mair e Matthias Neumann è un viaggio nella violenza dimenticata, nel silenzio della colpa e nella responsabilità verso la storia.

 

Presentano il documentario:
Giovanni Scirocco, storico dell’ISTITUTO NAZIONALE FERRUCCIO PARRI
Nina Mair e Matthias Neumann, registi

 

Ingresso libero c/o ZONA K
prenotazione consigliata: biglietti@zonak.it

 

OUT OF FOCUS Filmproduktion, D 2016

 

Una collaborazione
zona_k_logo logo_parrilogo_aned

 

PIPPO VOLA
SULLA CITTÀ

Radio Onda Clandestina racconta le storie di bambini e ragazzi che vivono a Milano durante la seconda guerra mondiale, che giocano per le vie devastate dalle macerie, invadono i prati di periferia per una partita di pallone e ascoltano la musica per non sentire il rumore delle bombe.

Qui si può ascoltare anche musica proibita, canzoni come “Crapa pelada” e “Maramao perché sei morto”, censurate dai fascisti per timore che possano nascondere messaggi segreti oppure perché mettono in ridicolo il regime, e “Questi sono tempi in cui anche ridere è roba da matti, roba che non si può”.

Radio Onda Clandestina racconta una storia nella Storia. L’ antagonista è Pippo, un aereo misterioso e solitario che di notte se ne va in giro sulla città. Al grido di “Arriva Pippo!”  tutti si chiudono in casa o corrono nei rifugi, e bisogna spegnere tutte le luci, perché dove vede luci accese Pippo “sgancia un confetto… cioè una bomba”. Ma chi è Pippo? Un nemico o un amico? Un messaggero di pace o un messaggero di morte?

“A noi ragazzi non dicono niente, ma certe cose noi le vediamo lo stesso. Certe cose non sono quello che sembrano”. Ecco i protagonisti di questa storia: sono Libero, Luigi, Lidia, il Mentina, il Sidela, il Testina. Questi ragazzi vogliono scoprire come stanno davvero le cose e  riprendersi la loro città: formano una banda, si danno appuntamento in un posto segreto e decidono di fare la loro Resistenza.

Con la sua voce ironica e tagliente, Radio Onda Clandestina ci accompagna attraverso queste storie fino alla giornata più importante: il 25 aprile 1945.

Da quel giorno Pippo non volerà più.

Liberamente ispirato all’omonimo libro di Antonio Quatela.
Uno spettacolo di Federica Di Rosa e Davide Stecconi con Veronica Franzosi

Dai 9 ai 99 anni.

Ingresso adulto € 7,00 (tessera associativa 2016 in omaggio)
Ingresso primo/a figlio/a: € 7,00
Ingresso dal/la secondo/a: € 5,00

Posti limitati, prenotazione consigliata:
biglietti@zonak.it  – 02.97378443

 

“The Match. La partita della morte”
di Andrei Malyukov (Russia, 2012)

Una pagina di calcio e storia, ispirata alla partita di calcio che le autorità tedesche organizzarono a Kiev nel 1942 tra i prigionieri ucraini e una rappresentanza tedesca. Film in lingua russa sottotitolato che vuole essere un ponte con le comunità dell’Est Europa, particolarmente presenti in zona 9.

A cura di INSMLI – Istituto Nazionale per la Storia del Movimento di Liberazione in Italia

Ingresso libero

Azione “INTERKULT