Il futuro spiegato ai ragazzi

La giornata incomincia con
Re Giorgio e la sua più grande magia e I giocattoli della scatola di Einstein

 

Presentazione del libro “Il futuro spiegato ai ragazzi” e incontro con gli autori Cristina Bellon e Giovanni Bignami.

Il futuro si costruisce con la testa ma anche con le mani. E le mani dobbiamo imparare ad usarle per realizzare i nostri sogni. I più grandi inventori erano prima di tutto dei sognatori. L’impossibile può diventare reale e oggi abbiamo tutti gli strumenti per dimostrarlo. Quali saranno le scoperte scientifiche che cambieranno la nostra vita nel prossimo mezzo secolo? È prevista una missione umana su Marte? Come si fa a catturare una cometa? Quanti tipi di vita possono esistere? Insegneremo alle cellule a ricostruire un braccio amputato? Cos’è l’energia oscura che riempie l’universo? Come saranno i videogiochi del futuro? I robot prenderanno il posto degli uomini? Come può il silicio rendere immortali? Nel libro risponderemo a tutte le vostre domande anche a quelle che non avete mai avuto il coraggio di porre.

Cristina Bellon, scrittrice e pubblicista, crede nella comunicazione della scienza, soprattutto ai giovani. Da bambina sognava di diventare una scienziata, ma le tradizioni di famiglia l’hanno spinta su altre strade, che oggi sfrutta per parlare di scienza immaginifica al pubblico. Nelle sue trame di fantascienza si mescolano ingegneria e passione, enigmi spazio-temporali e buchi neri, con scienziati eroici e grandi protagoniste femminili. Collabora con riviste importanti, come Le Scienze e Arcipelago Milano, e apprezza quelle più mirate alla fantascienza, come Future Shock.

Giovanni Bignami, è astrofisico da sempre, non per scelta, ma perché non saprebbe fare altro. Ha vinto premi in Italia e all’estero, è stato nominato nell’Accademia dei Lincei e quella di Francia, insomma è uno scienziato serio. Ma non solo, per fortuna. Adora scrivere per tutti di scienza e di scienziati, e si sforza di farlo su quotidiani e riviste. Ha scritto sei libri, alcuni dei quali tradotti in diverse lingue. Le sue produzioni raccontano di esplorazioni spaziali (L’esplorazione dello spazio, Il Mulino, 2005), di vita extraterrestre (I marziani siamo noi, Zanichelli, 2010) ma anche di cosa resta da scoprire in molti campi della scienza (Cosa resta da scoprire, Mondadori, 2011). Attualmente è presidente dell’Istituto Nazionale di Astrofisica e del COSPAR, il Comitato mondiale per la ricerca spaziale.

 

PLAY K(ei) è anche Palcoscenico del presente