WORKSHOP INTENSIVO – DANTE ANTONELLI

TO BURN OR NOT TO BURN

Marzo – Giugno 2020
aperto a tutt* | partecipazione gratuita | massima serietà

Teatro OUT OFF | ZONA K |
Comune di Milano – Fabbrica del Vapore

4 incontri di 4 giorni consecutivi l’uno,
un percorso a tappe con esito finale

OPEN CLASS: 26 giugno
Teatro OUT OFF

Per partecipare inviare una mail a:
attodimeraviglia@gmail.com

Con 1 video, su YouTube o Vimeo (link, no pass), di te che parli del tuo rapporto tra il sacro e il corpo (max 5′) + 2/4 foto + CV + quello che ti spinge a partecipare a questo lavoro (nel corpo nella mail).

Sulla scorta dei lavori attorno alle opere, al pensiero e alla vita di Yukio Mishima, To Burn Or Not To Burn è un workshop pensato come luogo d’incontro e formazione, di indagine e studio sulle pratiche della performance e della scrittura scenica, rivolto ad attori, danzatori, performer.

Un cantiere aperto, parte di un processo di creazione per un futuro Atto di Meraviglia, ispirato al romanzo “Il Padiglione d’oro”, alle “Lezioni spirituali per giovani Samurai” e a “La voce degli spiriti eroici“.

Religione e Politica, quale Tempio è il nostro Tempio in questo Tempo? Cenere e neve, il Tempio della nostra società è già stato dato alle fiamme, in questo orizzonte qualcuno si muove. Pellegrini in marcia sulla cenere, mentre la neve continua a cadere, coprendo tutto.

Riscrittura a sua volta di “Amleto” di William Shakespeare, “Il Padiglione d’oro” diMishima è il punto di partenza di una scrittura originale che inizia là dove il romanzo originale termina, da quel “io voglio vivere” pronunciato da Mizoguchi, protagonista dell’opera e che ribalta la triste sorte del Principe di Danimarca.

La visione del vuoto e l’atto fatale: la tensione spirituale della performance è quella del samurai idealizzato daMishima.
Apollineo e Dionisiaco muovono le onde di un mare solo geograficamente distante dal nostro e che affonda, invece, le sue correnti e riscopre i suoi stati di grazia nello stesso mare dove la nostra civiltà ha visto le sue origini.
Il paese ideale di Mishima insegue la bellezza classica dei nostri antenati e, in qualche modo la scena dei nostri giorni, i teatri e gli spazi dei nostri luoghi di vita, le persone che lo leggono oggi, possono dargli nuova voce e nuova luce.

“La vita è una danza
nel cratere di un vulcano: erutterà,
ma non sappiamo quando”

1 TAPPA
DAL 26 A 29 MARZO,
Dalle 10.00 alle 16.00
ZONA K
Via Spalato 11

2 TAPPA
DAL 30 APRILE AL 3 MAGGIO
Dalle 10.00 alle 16.00
ZONA K
Via Spalato 11

3 TAPPA
DAL 4 AL 7 GIUGNO
Dalle 10.00 alle 16.00
Teatro OUT OFF
Via Mac Mahon 16

4 TAPPA
DAL 18 AL 21 GIUGNO
Dalle 10.00 alle 16.00
Comune di Milano – Fabbrica del Vapore
Via Procaccini 4
+
OPEN CLASS
25 GIUGNO, PROVE GENERALI al Teatro OUT OFF
26 GIUGNO, PERFORMANCE STUDIO, ore 21.00, al Teatro OUT OFF

RADIODRAMMA

Focus_Radio

ZONA K propone un seminario di 6 giorni dedicato alla pratica del radiodramma con Paul Plamper, regista e autore di radiodrammi innovativi di grande successo in Germania.
A partire dalla scelta di un tema forte e stringente come “Immigrazione – tra politico e performativo”, Plamper accompagnerà i partecipanti nella ricerca, scelta e raccolta di materiali sonori (tra i quali interviste dirette a immigrati e rifugiati), nello sviluppo di idee e progetti, nell’impostazione di possibili soggetti e ipotesi di radiodrammi semi-documentaristici o fittivi.
Obiettivo del seminario è stimolare spunti di riflessione, fornire strumenti di ricerca e affinare la capacità di riconoscere e sviluppare storie e materiali adatti ad essere narrati per essere “solo”  ascoltati.

Il seminario è rivolto a tecnici o artisti del suono, registi, autori, scrittori, giornalisti, operatori sociali/educatori e attori interessati alla tecniche del radiodramma.

E’ richiesta la conoscenza della lingua inglese.

Il seminario si svolge per 6 giorni consecutivi a ZONA K e nelle locations scelte per le interviste, dalle ore 11.00 alle ore 17.00.

Posti limitati. La partecipazione è GRATUITA previa selezione.

Per info e iscrizioni direzione@zonak.it 02.97378443

Paul Plamper, classe 1972, è autore e regista di radiodrammi e vive a Berlino. Ha esordito in teatro come assistente alla regia al Berliner Ensemble, dove ha poi diretto spettacoli teatrali come ”Projekt RAF“, tratto dalle lettere dei prigionieri della RAF, e “Artaud erinnert sich an Hitler und das romanische Café“, interpretato da Martin Wuttke. Con “Der Auftrag” ha realizzato la prima messa in scena turca di un testo di Heiner-Müller per il teatro nazionale di Istanbul. Per l’emittente radio  WDR ha realizzato, numerosi radiodrammi, insigniti di importanti premi, come ad esempio ”Top Hit leicht gemacht“ (Prix Europa 2002), il progetto documentaristico sulla prigionia ”Release“ e una serie di  radiodrammi dedicati al tema del silenzio, trasformati poi in installazioni sonore per il Museo Ludwig e il ZKM di Karlsruhe: “Ruhe 1“ (Hörspielpreis 2008), ”Tacet“ (2010) e ”Stille Nacht“ (2013). Con il radiodramma ”Der Kauf“ (2013) ha vinto il premio dell’emittente ARD. Plamper ha inoltre curato la rassegna di radiodrammi ”Die Hörspielzentrale“ del teatro HAU di Berlino, ha fondato e gestisce la piattaforma online www.hoerspielpark.de.

 

RIVOLUZIONI-K

5 incontri (ore 20.00 – 22.00)
3 spettacoli di giovani compagnie attive nelle arti performative
1 evento finale di restituzione alla città

Questo è il programma del laboratorio teorico pratico di Renzo Francabandera, critico ed esperto di linguaggi della contemporaneità, che si terrà a ZONA K.

Il progetto, che si svolgerà fra metà marzo e maggio  ha lo scopo di coinvolgere chiunque abbia curiosità verso le arti dal vivo nelle sue molteplici forme (teatro, danza, arti visive, musica ecc..) in un percorso  fatto di strumenti per comprendere, e per chi lo voglia sperimentare, i linguaggi della scena contemporanea.

Quindi, problematizzare il pensiero dell’arte come forma di racconto di sé, sollecitare immaginazioni, con riguardo al territorio e alla realtà che vivono, attraverso continui intrecci tra arti visuali, arti performativa e scienze del territorio.

Programma
Il percorso si articolerà in 5 incontri di due ore circa su un arco di una decina di settimane circa.

I primi incontri consentiranno l’acquisizione di strumenti di analisi critica attraverso  materiali visivi e multimediali.

Si passerà poi ad elaborare le conoscenze, iniziando il lavoro vero e proprio di segno e creazione.

La visione di tre spettacoli della stagione di PLAY-K(ei) distribuiti in una decina di giorni, permetteranno l’esemplificazione e l’applicazione dell’approccio critico acquisito.
Ogni spettacolo vedrà al termine un momento di confronto tra i partecipanti al laboratorio, il pubblico e gli artisti.

Tutto questo troverà infine esito nell’ultimo incontro, e nella possibilità di un momento pubblico.

Le date:
MARZO 19 – 26
APRILE 9 – 23
MAGGIO 14 – 21

Costo: € 50,00

Per info e iscrizioni chiama o scrivi a organizzazione@zonak.it

Il costo include i 5 incontri teorici/pratici + l’entrata gratuita agli spettacoli + assicurazione dei partecipanti + tessera associativa annuale di ZONA K