THE MOVIE BAND
La democrazia si fa musica

Focus_DEMOCRACY

Riusciranno tanti strumenti diversi a mettersi d’accordo per suonare insieme inventando ritmi, suoni, note, rumori? E quale sarà la musica giusta per accompagnare le immagini di un cartone animato?

I bambini scopriranno il linguaggio della musica e dei suoni attraverso giochi ritmici di danza creativa.

Con strumenti veri e altri giocattolo, i bambini -guidati da una musicista e compositrice- formeranno una vera e propria band, che dovrà realizzare la colonna sonora di un breve film d’animazione.

I genitori sono tutti invitati al loro primo cine-concerto!

Laboratorio per bambin* da 4 a 7 anni
Ingresso: € 10,00 c/o ZONA K

prenotazioni: biglietti@zonak.it

 

 

FOCUS DEMOCRACY

Un progetto di

zona_k_logo

 

Con il sostegno di:
CLAPS COMPLETO SCRITTE LATERALI    02_MIBACT logo

Con il patrocinio del

brand milano

e con il patrocinio di

logo_CommissioneUElogo confederazione 02.1_MIL_081007_RGB_hoch

 

In collaborazione con:

GI_Logo_inkl_Claim_horizontal_green_IsoCV2[1]    Logo_Stanze_screenshot

CONCERTO
PAM PAM…
MUSICA PER LE MIE ORECCHIE

Ore 10.00 ( 0 – 36 mesi )
Ore 11.30 ( 3 – 6 anni )

 

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA DAL 3 FEBBRAIO

tel. 3426451379 dalle ore 10.00 alle ore 14.00

e-mail: biglietti@zonak.it

 

Costo: 1 bambino + 1 genitore euro 15,00

 

Ispirandosi alla Teoria dell’Apprendimento Musicale di E.E.Gordon gli insegnanti Audiation Institute assieme al brasiliano Quarteto Gordon proporranno attraverso voci e strumenti brani tratti dal cd PAM PAM: musica senza parole ricca di varietà ritmica e melodica, brani più o meno familiari che bambini e adulti potranno ascoltare interagendo liberamente con i musicisti, muovendosi e usando la voce in un’atmosfera di rilassamento e divertita partecipazione.

 

I concerti saranno a cura dell’ENSEMBLE AUDIATION INSTITUTE

in collaborazione con il Quarteto Gordon

 

Per maggiori info potete visitare il sito dell’Audiation Institute cliccando qui

 

 

I COLORI DELLA MEMORIA

Il 26 gennaio anche noi partecipiamo al progetto:
ore 17. 00 TRA MUSICA E MEMORIA
ore 21.00 IL GOLEM, COME VENNE AL MONDO.

Nelle giornate del 24-25-26-27 gennaio 2014, in occasione della “Giornata Mondiale della Memoria”, anniversario della liberazione del campo di concentramento e di sterminio di Auschwitz, un gruppo promotore formato da alcune realtà culturali della Zona 9 dà vita al progetto “I Colori della Memoria”.
Il progetto nasce dal desiderio di riconsegnare all’attenzione e alla riflessione dei cittadini di Zona 9  quei momenti storici salienti che hanno favorito e, in qualche modo, costituito un terreno fertile per la conquista di identità sociali e comuni valori in cui riconoscersi e per cui valga la pena progettare un futuro condiviso.
I colori della memoria vogliono ricordare tutti: uomini, donne e bambini che hanno subito tali ingiustizie, senza dimenticare nessuno.
36 iniziative pubbliche in 23 luoghi dei quartieri di Isola, Dergano, Bovisa, Niguarda e Affori–Comasina: teatro, musica, cinema, libri e una serie di incontri dedicati al tema delle persecuzioni razziali e non, attuate nei confronti di ebrei, rom, omosessuali, disabili, gruppi religiosi e dissidenti politici, ma anche dedicati a tutti coloro che rifiutarono le leggi che le autorizzavano.

 

Potete trovare il programma dell’intera manifestazione qui

 

“I Colori delle Memoria” è un progetto promosso da: Centro Culturale della Cooperativa; Teatrino al Rovescio; Associazione 9per9 – idee in rete; Associazione Culturale “La Prima Pietra”; Bovisa Teatro; Gruppo Teatro Albi- ni-Golisch; Teatro Verdi–Teatro del Buratto; Istituto Tecnico Luigi Galvani

In collaborazione con: ZONA K; Circonvalla Film; Visualcontainer Italian Videoart Distributor; Associazione Don Eugenio Bussa; Associazione Buen Vivir; Ecomuseo Urbano Meropolitano Milano Nord Urbano; Associazione De. de.p; Studio Vundes; Argómm Teatro; Libreria Ancora Store; Spazio Libreria Mamusca; Biblioteca Dergano-Bovisa; Biblioteca Affori–Villa Litta; Biblioteca Niguarda; Liceo Scientifico Luigi Cremona; Rifugio 87; Fondazione Cineteca Italiana–Mic Museo Interattivo del Cinema; Insmli (Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia); Niguarda Web TV; Galleria Ostrakon; Spazio Mercury, Stecca 3; Associazione L’abilità; Istituto Comprensivo Locchi di Milano

PICCOLE MERAVIGLIE
quando i bambini diventano performer

ingresso: € 6,00 a persona

Pubblico max 90 tra adulti e bambini disposti a semicerchio sullo stesso livello dei performer.
Età: 0>100. Ottimale famiglie con bambini 0>7 anni
Musica: Tutti gli strumenti sono acustici. Non è richiesta amplificazione.
Durata: 45 minuti

Piccole Meraviglie è un progetto innovativo e sperimentale dell’associazione culturale
 Takla Improvising Group, attiva sul territorio lombardo dal 1998 
nella diffusione della pratica dell’improvvisazione di musica, danza, teatro e arti visive. Piccole Meraviglie è la versione made in Italy del progetto olandese Wonderland. Ha debuttato alla Triennale di Milano nel 2011 grazie al sostegno di Fondazione Cariplo nell’ambito del progetto di residenze Etre e ad oggi è stata vista e “vissuta” da circa 2.500 famiglie.

Si tratta di una performance di danza e musica dal vivo rivolta a bambini e genitori. Più che una performance per i bambini è una performance con i bambiniprevede un primo momento in cui i bambini sono solo spettatori di un evento improvvisativo di danza e musica dal vivo ed una seconda parte in cui bambini diventano performer. Tutto avviene attraverso la comunicazione non verbale e i bambini, una volta preso il coraggio di “entrare” in scena, diventano piccoli artisti che dialogano con i performer, comunicando con loro attraverso il corpo e i suoni.

Piccole Meraviglie è una filosofia di pensiero, che accoglie i bambini di ogni età e di ogni colore uniti dal linguaggio non verbale. Crea e favorisce l’integrazione, abbatte le barriere. È un modo di “fare” e “sentire” l’arte, la scena, il teatro.

CRISTINA NEGRO – danza e organetto
(Milano, 1963) Danzatrice, coreografa, formatrice. Laureata in Lettere Moderne. Formatasi in Italia e in Francia con Teri Weikel, Roberto Castello, Carolyn Carlson, Francoise e Dominique Dupuy. Dal 1998 docente presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca all’interno della Facoltà di Scienze della Formazione. È vicepresidente dell’Associazione Culturale Takla Improvising Group finalizzata alla promozione e alla diffusione dell’improvvisazione tra le arti. Si occupa di formazione nelle scuole come docente all’interno del progetto internazionale Mus-e.

FILIPPO MONICO – batteria, percussioni, oggetti sonori
(
Milano, 1955) Attivo dai primi anni 70, ha collaborato assiduamente con Guido Mazzon, Gaetano Liguori, Giorgio Gaslini, Massimo Urbani, Danilo Terenzi, Paolino Della Porta, e numerosi altri musicisti partecipando a concerti e registrazioni tra gli altri con Enrico Rava, Paul Rutherford, Lester Bowie, Don Cherry, Steve Lacy, Evan Parker.
E’ stato nel “Muzic Circo” di Roberto Bellatalla con Daniele Cavallanti ed Edoardo Ricci. Lavora in Olanda e Inghilterra con Tristan Honsinger, Sean Bergin, Antonello Salis e Sandro Satta.
Ha realizzato una ventina di pubblicazioni registrate con diverse formazioni musicali. Si dedica all’improvvisazione sia radicale che jazzistica in dialogo con Danza, Pittura, Poesia, Teatro e Video. Guida il “Takla Jazz”.

GIANLUCA ELIA – sax tenore
(
Milano 1991Giovanissimo sassofonista di talentoha iniziato lo studio del sax e della musica a 11 anni quando un maestro illuminato aveva stimolato la nascita di un piccolo gruppo jazz in cui si praticava l’improvvisazione. Ha studiato con Rudy Manzoli, Giulio Visibelli . Attualmente studia Jazz al Conservatorio di Milano sotto la guida di Riccardo Luppi, Tino Tracanna, Attilio Zanchi, Giovanni Falzone e Paolo Silvestri. Tra gli altri progetti che sta sviluppando ci sono un tributo a Massimo Urbani e un trio sull’improvvisazione libera e la trasformazione degli standard.

 

Guarda anche IMPROVVISAZIONE.

 

PICCOLE MERAVIGLIE
quando i bambini diventano performer

ingresso: € 6,00 a persona

Pubblico max 90 tra adulti e bambini disposti a semicerchio sullo stesso livello dei performer.
Età: 0>100. Ottimale famiglie con bambini 0>7 anni
Musica: Tutti gli strumenti sono acustici. Non è richiesta amplificazione.
Durata: 45 minuti

Piccole Meraviglie è un progetto innovativo e sperimentale dell’associazione culturale
 Takla Improvising Group, attiva sul territorio lombardo dal 1998 
nella diffusione della pratica dell’improvvisazione di musica, danza, teatro e arti visive. Piccole Meraviglie è la versione made in Italy del progetto olandese Wonderland. Ha debuttato alla Triennale di Milano nel 2011 grazie al sostegno di Fondazione Cariplo nell’ambito del progetto di residenze Etre e ad oggi è stata vista e “vissuta” da circa 2.500 famiglie.

Si tratta di una performance di danza e musica dal vivo rivolta a bambini e genitori. Più che una performance per i bambini è una performance con i bambini: prevede un primo momento in cui i bambini sono solo spettatori di un evento improvvisativo di danza e musica dal vivo ed una seconda parte in cui bambini diventano performer. Tutto avviene attraverso la comunicazione non verbale e i bambini, una volta preso il coraggio di “entrare” in scena, diventano piccoli artisti che dialogano con i performer, comunicando con loro attraverso il corpo e i suoni.

Piccole Meraviglie è una filosofia di pensiero, che accoglie i bambini di ogni età e di ogni colore uniti dal linguaggio non verbale. Crea e favorisce l’integrazione, abbatte le barriere. È un modo di “fare” e “sentire” l’arte, la scena, il teatro.

CRISTINA NEGRO – danza e organetto
(Milano, 1963) Danzatrice, coreografa, formatrice. Laureata in Lettere Moderne. Formatasi in Italia e in Francia con Teri Weikel, Roberto Castello, Carolyn Carlson, Francoise e Dominique Dupuy. Dal 1998 docente presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca all’interno della Facoltà di Scienze della Formazione. È vicepresidente dell’Associazione Culturale Takla Improvising Group finalizzata alla promozione e alla diffusione dell’improvvisazione tra le arti. Si occupa di formazione nelle scuole come docente all’interno del progetto internazionale Mus-e.

FILIPPO MONICO – batteria, percussioni, oggetti sonori
(
Milano, 1955) Attivo dai primi anni 70, ha collaborato assiduamente con Guido Mazzon, Gaetano Liguori, Giorgio Gaslini, Massimo Urbani, Danilo Terenzi, Paolino Della Porta, e numerosi altri musicisti partecipando a concerti e registrazioni tra gli altri con Enrico Rava, Paul Rutherford, Lester Bowie, Don Cherry, Steve Lacy, Evan Parker.
E’ stato nel “Muzic Circo” di Roberto Bellatalla con Daniele Cavallanti ed Edoardo Ricci. Lavora in Olanda e Inghilterra con Tristan Honsinger, Sean Bergin, Antonello Salis e Sandro Satta.
Ha realizzato una ventina di pubblicazioni registrate con diverse formazioni musicali. Si dedica all’improvvisazione sia radicale che jazzistica in dialogo con Danza, Pittura, Poesia, Teatro e Video. Guida il “Takla Jazz”.

GIANLUCA ELIA – sax tenore
(
Milano 1991) Giovanissimo sassofonista di talento, ha iniziato lo studio del sax e della musica a 11 anni quando un maestro illuminato aveva stimolato la nascita di un piccolo gruppo jazz in cui si praticava l’improvvisazione. Ha studiato con Rudy Manzoli, Giulio Visibelli . Attualmente studia Jazz al Conservatorio di Milano sotto la guida di Riccardo Luppi, Tino Tracanna, Attilio Zanchi, Giovanni Falzone e Paolo Silvestri. Tra gli altri progetti che sta sviluppando ci sono un tributo a Massimo Urbani e un trio sull’improvvisazione libera e la trasformazione degli standard.

 

Guarda anche IMPROVVISAZIONE.

 

 

 

 

 

 

 

 

Flip Flap…….. ZZZzzzz per un futuro più sostenibile

La giornata continua con il film-documentario
Come voglio che sia il mio futuro di Olmi e Zaccaro

 

Lana, caucciù, cotone, foglie, cuoio, rametti, velina… costruiamo un piccolo nido, un bozzolo morbido e accogliente, un luogo ideale dove poter custodire e prendersi cura di un minuscolo e prezioso insetto. Si trasforma ogni “nido” in una spilla per permettere all’insetto di volare insieme a noi.

PANE ARTE E MARMELLATA  è un’associazione culturale fondata nel 2004 da Marta Motterlini e Antonella Orlando, esperte in didattica dell’arte, con lo scopo di avvicinare bambini e ragazzi all’arte moderna e contemporanea. Tutte le attività proposte sono un’occasione educativa e formativa, momenti di gioco e divertimento dove poter sperimentare, creare, porsi delle domande e reagire agli stimoli e alle provocazioni dell’arte. Durante gli incontri bambini e ragazzi fanno amicizia con le opere e gli artisti e si appropriano di diversi linguaggi espressivi per scoprire nuovi modi di raccontare ed esprimere se stessi.

 

PLAY K(ei) è anche Palcoscenico del presente