Nonno Telemaco

Qui e ora con Laura Valli

Domenica 14 aprile
Ore 16.00 per bambini dai 6 anni con genitori e nonni dalle forti radici
INGRESSO GRATUITO

lettura in musica
con
Laura Valli
liberamente tratto da “La riparazione del nonno” di Stefano Benni

Nonno Telemaco 87, due soli pollici, non ha nulla da invidiare alla televisione. E la sua memoria è più potente di quella di un computer. Gli basta un bicchiere di Barolo e la Cattura del Toro Innamorato o la Costruzione del Campo di Calcio diventano racconti epici quanto la guerra di Troia. Vengono da ogni dove per ascoltare le sue storie. Fino alla fatidica sera in cui, colpito da un fulmine, gli si fondono i circuiti narrativi. Uno dei racconti più amati ed esilaranti di “Bar Sport Duemila” di Stefano Benni accompagnato dalle immagini di Spider.

Ma dove sono finite quelle storie a misura d’uomo e di bambino che ci raccontavano i nonni? Due musicisti e un’attrice raccontano questa storia dolce e ironica. Una storia che ci permette di affrontare in modo divertente e coinvolgente problemi serissimi come quelli della comunicazione nell’era del video, della memoria, delle radici.

 

Qui e Ora Residenza Teatrale è un progetto di aida associazione culturale, in collaborazione con la compagnia teatrale Figure Capovolte, e con i Comuni di Comun Nuovo, Dalmine, Osio Sotto e Verdello, concepito nell’ambito dell’iniziativa di Fondazione Cariplo ÊTRE – Esperienze teatrali di residenza. Qui e Ora è un progetto di residenza teatrale che nasce dall’ascolto di un territorio per dare vita a un luogo dove fare esperienza di sé in relazioni con gli altri, un luogo dove vi sia la capacità di osservare profondamente ciò che accade nel corpo sociale e trasformarlo in racconto, in atti poetici e artistici. Al centro del lavoro offrire la possibilità di sentirsi parte di una comunità nella scoperta di tutte le bellezze e risorse della comunità stessa; imparare a raccontare il proprio vissuto e immaginario partendo dal reale per assurgere a un contesto mitico ed emblematico, dove il quotidiano diventi straordinario, extra – ordinario.

 

PLAY K(ei) è anche Palcoscenico del presente

Condividi questa pagina: