rassegne

mese di novembre 2019

Padre d’amore
Padre di fango

CINZIA PIETRIBIASI (IT)

 

Nel periodo di residenza a ZONA K Cinzia Pietribiasi intende lavorare su un progetto immaginato da tempo: ricercare un mezzo espressivo capace di rendere la “storia” di un padre complesso filtrata dalla memoria di una figlia. Nessuna rappresentazione, nessun personaggio: una storia senza racconto, perché Padre d’amore, Padre di fango è vita presente. È un porre domande, un problematizzare, attraverso il processo creativo. Non c’è alcuna interpretazione univoca, alcuna sintesi. Si tratta di una visione/presentazione per frammenti, per immagini e suoni. Un’atmosfera onirica ma non distante. La nuova tecnologia (dall’animazione digitale all’elaborazione in real time di dati, all’uso delle possibilità offerte dalla rete) garantisce immersione e interattività nella convinzione che lo spettatore/agente debba essere “accolto” e partecipe. Se esiste un senso, l’unica salvezza risiede in un inno collettivo alla vita.

 

Digital performance e installazione intermediale
c/o ZONA K

 

Concept Cinzia Pietribiasi

 

Cinzia Pietribiasi, artista performativa multidisciplinare e multimediale, è nata a Vicenza nel 1979. Oggi vive in Emilia. Utilizzo la multimedialità, soprattutto il linguaggio e le tecniche video, sia come artista, sia nei suo laboratori con studenti delle scuole primarie e secondarie e con utenti psichiatrici. Ha ottenuto la laurea magistrale in Conservazione dei Beni Culturali, un master universitario in Clown terapia e un’alta formazione universitaria nelle tecniche teatrali come strumento per le attività educative. Attualmente è iscritta al Biennio Specialistico in Nuove Tecnologie dell’Arte presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Nel 2012 il suo assolo “Io sono qui” è tra i semifinalisti di Premio Gd’A Emilia Romagna. Nello stesso anno fonda la Compagnia Pietribiasi/Tedeschi, una realtà indipendente ed autoprodotta, le cui produzioni spaziano dal teatro multimediale al teatro civile.