rassegne

19 - 20 ottobre 2019

Lookout
“un incontro uno a uno con vista sulla città”

ANDY FIELD (GB)

Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

 

Creato in collaborazione con i bambini delle scuole elementari locali, Lookout è un incontro one-to-one tra un adulto e un bambino che si svolge in un luogo in alto con vista sulla città.

Insieme, adulto e bambino, guardano la città e ne immaginano il futuro.

La conversazione che condividono è un tranquillo viaggio attraverso il passato, il presente e il futuro guidati dalle strade e dai punti di riferimento che li precedono.

Attraverso sogni di architetture utopiche e possibili catastrofi, speranze e paure, mode future, proposte di demolizioni e progressi reali e immaginati, esplorano due versioni molto diverse della città in cui entrambi vivono. Uno scambio tra due persone che normalmente non si incontrano, su un mondo futuro che possono o non possono condividere.

Lookout è un tentativo di considerare le grandi domande in piccolo. Per riscoprire con uno sguardo diverso la nostra città che normalmente chiamiamo casa.

Fino ad oggi Lookout è stato presentato in: Inghilterra, Nuova Zelanda, Egitto, Lituania, Estonia, Cina, Shanghai, Vancouver.

 

Performance – durata 30 min. ca. – in italiano
site specific
Per 8 spettatori a replica.

Ideazione Andy Field Produzione Beckie Darlington Musica e suono Tom Parkinson Drammaturgia Sybille Peters

 

Un progetto di ZONA K e Stanze

 

Andy Field è un artista, scrittore e curatore artistico con base a Londra. Realizza progetti che mirano a considerare le nostre relazioni sia con gli spazi che abitiamo sia con le persone che ci circondano. Lavora soprattutto con bambini e ragazzi. Ha creato progetti interattivi per le famiglie al Museo di Storia Naturale di Londra, al Southbank Centre e alla Arnolfini Gallery di Bristol. È co-direttore del Forest Fringe e scrive per The Guardian e la rivista The Stage e Contemporary Theatre Review.